Ospedale, gli attacchi di Bassi nascondono le sue responsabilità

Ospedale, gli attacchi di Bassi nascondono le sue responsabilità

Come un orologio svizzero arriva puntuale e costante l’attacco del consigliere regionale Andrea Bassi nei confronti del sindaco e dell’amministrazione comunale di Bussolengo.

Come mai questa ossessione nei confronti del sindaco Boscaini?

Ci sono due motivi principali.
Facciamo chiarezza.

Primo motivo: Bassi sta facendo campagna elettorale contro la Boscaini e a favore di un altro candidato sindaco. Quindi ha fini elettorali.

Secondo motivo, molto più grave: dietro questa ossessione per la Boscaini, Bassi cerca di nascondere le proprie responsabilità sull’ospedale.

Il consigliere regionale Andrea Bassi fa parte della Quinta commissione della Regione, che ha stabilito il futuro dell’Orlandi. Ci risulta davvero impossibile credere a Bassi, che si erge a paladino dell’ospedale, ma che in Regione il 26 settembre 2013 votò a favore delle schede regionali che hanno dato il via alla riorganizzazione dell’Orlandi.

QUESTE SONO LE PROVE CHE BASSI HA VOTATO IL TRASFERIMENTO DEI REPARTI A VILLAFRANCA.
(Clicca sul link per leggere il verbale della commissione)

Il consigliere ha fatto a lungo parte della maggioranza guidata da Luca Zaia.
Ebbene, cosa ha fatto concretamente Bassi sull’ospedale, a parte finire regolarmente sui giornali o in televisione per attaccare la Boscaini?

Oggi per fini elettorali lo stesso Bassi si scaglia sui sindaci, in particolare ovviamente la Boscaini, che non hanno potere decisionale in materia di sanità e ospedali. I sindaci hanno cercato di far valere la loro opera di mediazione per evitare la chiusura prospettata dell’Orlandi e per cercare di ottenere il massimo per l’ospedale. Con buona pace del consigliere regionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>