Atto vandalico di Natale, hanno svolto lavori sociali

Atto vandalico di Natale, hanno svolto lavori sociali

Aveva destato scalpore l’atto vandalico compiuto nell’Igloo di Babbo Natale, durante le scorse festività, in piazza XXVI Aprile, a Bussolengo. Nei giorni successivi i responsabili erano stati individuati dai carabinieri grazie alle telecamere disseminate sul territorio. Gli autori sono due ragazzi bussolenghesi di 18 e 25 anni, i quali hanno terminato questa settimana un mese di servizi sociali all’interno della cooperativa Agespha, che ha sede a Bussolengo e si occupa di assistere le persone con disabilità.

Era stato il sindaco Paola Boscaini a rendere pubblico l’accaduto con un post su Facebook, annunciando le indagini in corso da parte delle forze dell’ordine. Ieri sempre su Facebook ha informato i cittadini sui nuovi sviluppi della vicenda. “I due ragazzi sono stati individuati subito grazie alle telecamere. Avevo sul mio tavolo già pronta la denuncia nei loro confronti, ma li ho voluti incontrare in Municipio. Hanno capito di aver sbagliato, si sono pentiti e si sono proposti come volontari presso la cooperativa del territorio, ovviamente dopo aver pagato i danni”, annota Boscaini.

Sul post del sindaco erano arrivati anche alcuni commenti di persone che chiedevano di conoscere i nomi degli autori del danneggiamento all’igloo. “A noi non interessa la gogna mediatica. Le leggi devono sempre essere rispettate da tutti, ma un sindaco deve distinguere le situazioni e in questo caso abbiamo agito per recuperare i giovani, insegnando loro il senso civico, fermo restando il pagamento dei danni all’azienda. Inoltre hanno prestato servizio in una cooperativa che svolge un’attività nobile per il nostro territorio. Ci auguriamo che abbiano capito la lezione e che possano essere da insegnamento per i propri coetanei.”.

Il sindaco Boscaini evidenzia inoltre l’aspetto legato alla sicurezza. “Il sistema di videosorveglianza funziona bene e anche questo episodio lo dimostra. È nostra intenzione aumentare ulteriormente il numero degli occhi elettronici in paese. Voglio però soprattutto ringraziare le forze dell’ordine per la loro efficienza. Carabinieri e polizia locale collaborano in modo virtuoso sul territorio e i risultati si vedono”.

Il presidente della cooperativa sociale Agespha, Matteo Segattini, racconta l’esperienza dei due giovani: “È andata molto bene, i ragazzi si sono resi disponibili fin da subito. Hanno fatto tutto quello che è stato loro richiesto. Sono sempre stati puntuali nelle presenze e collaborativi. In particolare il 25enne  si è occupato delle uscite del tempo libero per quanto riguarda la comunità alloggio, mentre quello più giovane ha affiancato un nostro operatore per accompagnare gli utenti al proprio domicilio e si è occupavo di alcuni lavori di sistemazione all’interno della nostra struttura”. Secondo Segattini “non è facile confrontarsi con il mondo della disabilità, penso che per loro sia stata un’esperienza formativa importante. C’è la possibilità che in futuro tornino nella nostra cooperativa per continuare a fare i volontari, ma questa è una decisione che spetterà a loro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *
You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>